Un sogno realizzato, un ambiente più efficiente e orientato all’eco-sostenibilità.

Sono durati due anni i lavori per terminare la nuova sede di ARTEC Pneumatic, da agosto 2017 a luglio 2019, ed è stato un percorso molto costruttivo per tutte le persone coinvolte. Vedere crescere i propri sogni e vedere realizzati gli obiettivi è sempre qualche cosa di meraviglioso e sorprendente.

Oggi sono più di due anni che viviamo questi ambienti, così spaziosi, tecnologici e funzionali. La nuova sede si articola su una superficie di oltre 5.000 mq2 e ci ha permesso di ottimizzare il processo produttivo, in modo da avere in un’unica sede tutti i reparti produttivi, l’assemblaggio e gli uffici. Questo ha certamente giovato sui nostri risultati.

A proposito di soddisfazioni e di incredulità quando si raggiungono i traguardi prefissati, il nostro amministratore delegato, Graziano Gallerani, pensando alla nuova sede di ARTEC Pneumatic dice sempre: “Negli anni passati, quando ho iniziato l’attività con la mia prima azienda artigiana, negli anni ’70, non mi immaginavo che un giorno avrei avuto bisogno di uno spazio così grande, come questo. Già nel 2010 il fatto di avere e di gestire due capannoni era per me un passo enorme. Oggi, dopo due anni in cui siamo in questa nuova sede di oltre 5.000 mq e siccome l’azienda continua a crescere, ciò che mi sembrava grande nel 2019, ora è della dimensione giusta e quasi va già un po’ stretto!”.

Il nostro forte legame con il territorio in cui viviamo ha fatto ricadere la scelta sul rimanere proprio qui, a Cento, in provincia di Ferrara. La nuova posizione è strategica e migliore rispetto al passato, perché si affaccia su una strada extraurbana.

Abbiamo scelto colori chiari e tenui per l’arredamento, il nostro obiettivo era, fin da subito, quello di garantire massima armonia e un ambiente di lavoro accogliente per i lavoratori, che tutti i giorni collaborano con noi. Abbiamo voluto rendere gli ambienti di lavoro il più possibile illuminati attraverso la luce naturale che filtra dall’esterno. Per questo motivo le finestre sono ad altezza uomo nei reparti produttivi e ci sono vetrate negli uffici: per portare lo sguardo dei lavoratori verso l’esterno dell’edificio, verso l’ambiente naturale che circonda la sede. Siamo dell’idea che la natura sia un forte richiamo per la serenità.

L’intera sede punta ad una maggiore sostenibilità in ogni aspetto. Per questo anche le postazioni di lavoro sono illuminate da un impianto luci dimmerabili, che illuminano in modo corretto e sono a favore del risparmio energetico, poiché si autoregolano i base alla luminosità naturale della stanza. L’impianto fotovoltaico genera quasi 100 kw di produzione energetica, ai quali vanno aggiunti i 200 kw prodotti dall’edificio che ospita lo stoccaggio delle materie prime.

Questo progetto è stato curato dall’Architetto Sofia Cattinari, che ringraziamo per l’attività svolta e per i momenti di condivisione e di crescita durante il percorso.

Nel video che condividiamo in questa pagina si possono vedere i passaggi di costruzione di questo sogno. Perché per noi, realizzare questa sede, è stato un sogno che è diventato realtà. E ora siamo pronti a realizzare il prossimo.

Related Posts